lunedì 27 aprile 2015

Repubblica Democratica del Congo, incursioni di ribelli ruandesi nel Nord Kiwu

Nord Kiwu (Repubblica Democratica del Congo)
Nella Repubblica Democratica del Congo, la situazione è confusa nell'est del paese, dopo un incursione dei ribelli ruandesi le cui cause non sono ancora note. Le autorità congolesi, in ogni caso hanno confermato che c'è stata effettivamente un'incursione di para-militari ruandesi in territorio congolese circa 120 km. a nord di Goma, nel Parco di Virunga, riserva che che si estende su entrambi i lati del confine (Congo e Rwanda).

Secondo il governatore del Nord Kiwu, Julien Paluku, ieri una pattuglia di ricognizione dell'esercito congolese accompagnata dai ranger del parco, ha potuto confermare la presenza di soldati ruandesi sulla collina Musangoti, a circa un km all'interno del territorio congolese.

All'avvicinarsi dei soldati congolesi, quelli ruandesi hanno aperto il fuoco, ha raccontato sempre il governatore. Julien Paluku ha quindi chiesto una verifica congiunta per avere riscontro anche da Kigali.

Ma se la presenza di militari ruandesi è confermata da fonti ufficiali sulla collina di Rutshuru, non è la sola. Infatti i residenti segnalano altri raid più a sud in direzione di Goma.

Sulla collina Ehu in particolare, a circa trenta chilometri da Goma. Decine di soldati ruandesi hanno attraversato il confine nella notte tra sabato e domenica e si sono diretti verso il Parco di Virunga. Delle testimonianze che non possono essere confermate ufficialmente. L'unica certezza è questa incursione non è la prima, perché già in giugno c'erano state dispute di confine fra i due paesi.

L'esercito di Congo da febbraio sta conducendo, inoltre, delle operazioni militari contro il gruppo ribelle hutu ruandese delle Forze Democratiche per la Liberazione del Rwanda (FDLR). La presenza del gruppo sul suolo congolese è in passato servito come pretesto per una serie di interventi per la delimitazione dei confini.

Nella regione del Nord Kiwu è in atto un conflitto pluri-decennale per il controllo delle miniere di minerali preziosi della Repubblica Democratica del Congo.



Nessun commento:

Posta un commento