sabato 20 giugno 2015

La pizza più lunga del mondo è italiana. Battuto il record ad Expo 2015


1596,45 metri per 5 tonnellate. Ad Expo Milano 2015 l'Italia si aggiudica il record per la pizza più lunga del mondo

La pizza più lunga del mondo è quella che questa mattina (20 giugno) era posizionata lungo il Decumano. Lorenzo Veltri, giudice del Guinness World Records, ha annunciato che a Expo Milano 2015 l'Italia ha battuto la Spagna con una margherita da record.

Contro i 1141,5 metri della pizza spagnola, quella italiana è lunga 1596,45 metri e pesa cinque tonnellate. Giuseppe Sala, Commissario Unico di Expo Milano 2015, ha ringraziato tutti quelli che hanno contribuito al successo dell'impresa che ha attirato numerosi visitatori allettati anche dall'assaggio finale.

35.000 tranci sono stati infatti distribuiti ai presenti e 300 metri di pizza è andata al Banco Alimentare di Milano che li ha destinati a sei centri di accoglienza milanesi gestiti dalle associazioni che si occupano di disagio sociale, in particolare a quelle che si stanno occupando dell’emergenza immigrazione.

"Abbiamo stracciato il record precedente grazie all'unione degli sforzi, di prodotti d’eccellenza di tante regioni italiane, di pizzaioli piacentini e napoletani. Realizzare un’operazione del genere richiede uno sforzo organizzativo straordinario e noi ce l’abbiamo fatta"

"La pizza è un simbolo del nostro Paese e dell'agroalimentare italiano, un punto di forza straordinario", ha detto il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina.

Pizza da record, ma anche patrimonio dell'umanità. L'occasione è stata valida anche per sensibilizzare il pubblico alla raccolta di firme per far dichiarare all'Unesco la pizza "Patrimonio immateriale dell'Umanità".

Iniziativa lanciata da Coldiretti che ha reso la giornata ancora più importante e significativa. "La pizza è spesso collegata a una festa ed è importante riconoscere che è frutto della nostra tradizione più profonda. Dentro questo, l’arte dei pizzaioli napoletani è il pezzo culturalmente più identitario della storia della pizza. È radicata nella tradizione locale, nei secoli, e da lì s’è diffusa nel pianeta. Una tradizione si può perdere perché o si perdono gli artigiani, o diviene così globalizzata che se ne smarrisce l’identità".
(Expo 2015)
Leggi anche

Nessun commento:

Posta un commento