lunedì 8 giugno 2015

Africa, news settimanali in pillole

(dal 1° al 7 giugno 2014)

Nigeria. Una bomba ha colpito un mercato di bestiame nello stato nord-orientale di Borno nei pressi della città Maiduguri, nella serata di sabato causando 16 morti e almeno 24 feriti, molti in condizioni gravi. L'attentato ha provocato un cratere e distrutto diversi negozi del mercato.

Repubblica Centrafricana. L'ONU promette un'inchiesta in merito agli abusi su minori dei Caschi Blu francesi. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon ha annunciato l’istituzione di un’inchiesta esterna indipendente sulle presunte aggressioni compiute ai danni di minori dai caschi blu francesi e africani dispiegati nella Repubblica Centrafricana. Lo ha annunciato il portavoce Stéphane Dujarric, confermando la volontà dell’Onu di "non abbandonare chi subisce abusi sessuali, soprattutto quando sono vittime di coloro che dovrebbero proteggerli" - Leggi -

Repubblica Democratica del Congo. Fallisce un attaccato all'aeroporto di Goma nella parte orientale del paese. Morti gli assalitori, e anche militari guardia repubblicana delle Fardc (l’esercito nazionale). Secondo fonti locali i miliziani erano interessati ad impadronirsi di cibo, armi e munizioni. La regione vive da anni un conflitto che coinvolge decine di miliziani armati, come i Mai-Mai che controllano gran parte delle zone dei confini orientali ricche di minerali, ma gli attacchi di questo genere sono rari.

Gambia. Espulso diplomatico dell'Unione Europea. Agnes Guillard, delegata dell'Unione europea in Gambia deve lasciare il paese entro 72 ore. L'ultimatum è arrivato sabato, senza alcuna spiegazione. Il governo gambiano viene da tempo aspramente criticato dall'UE per il mancato rispetto dei diritti umani in particolare riguardo alla questione dell'omosessualità. Il paese è guidato dal presidente Yahya Jammeh che ne ha preso le redini con un colpo di stato nel 1994. Il presidente gambiano ha schiacciato ogni forma di dissenso nei suoi confronti e ha subìto molte denunce e critiche riguardo le violazioni dei diritti umani. Gli atti omosessuali sono illegali in Gambia. Il parlamento ha approvato una legge lo scorso agosto che impone l'ergastolo per il reato di "omosessualità aggravata". Per questo ha subito pesanti critiche dall'UE che ha bloccato anche quasi 15 milioni di dollari in aiuti diretti.

Guinea. Prolungato fino a fine giugno lo stato di emergenza sanitaria rafforzato a causa della "persistenza" della epidemia di Ebola nel paese. Lo ha annunciato sabato la presidente Alpha Condé, che ha incontrato lo stesso giorno il suo omologo della Sierra Leone, Ernest Bai Koroma, a Pamelap località al confine fra i due paesi, entrambi ancora alle prese con il virus. Condé aveva annunciato 13 agosto 2014 l'emergenza sanitaria nazionale per tutta la Guinea, quando l'epidemia era fuori controllo. Poi il 28 marzo 2015, ha annunciato lo stato si "emergenza sanitaria potenziata" per 45 giorni in cinque dipartimenti occidentali e nel sud-ovest, lungo la costa, dove si era spostato l'epicentro del focolaio virale.

Libia. I combattenti dello Stato Islamico (ISIS) in Libia hanno preso il controllo di Harawa, un villaggio strategico di circa 2.600 abitanti a 70 chilometri a est di Sirte, sulla strada costiera che porta ai terminal petroliferi. La notizia è stata diffusa sabato dal governo libico. La città è sotto il completo controllo dei ribelli, così come tutti gli edifici del governo locale. Oltre a Derna in Cirenaica, sul golfo della Sirte l'Isis già controlla l'omonimo capoluogo e Nawfaliyah, circa 70 chilometri di strada a est di Harawa. Sempre nei giorni scorsi l'Isis avrebbe rapito 86 migranti eritrei cristiani, pronti per imbarcarsi verso l'Italia.

Sudafrica. Nuove prove sulla tangente da 10 milioni di dollari per i mondiali del 2010. Un’inchiesta della BBC avrebbe trovato le prove della tangente da dieci milioni di dollari intascata dall'ex vicepresidente della Fifa, Jack Warner, in cambio del suo impegno a sostenere la candidatura del Sudafrica a ospitare i mondiali di calcio del 2010. Jack Warner, 72 anni, è stato incriminato dall'FBI per corruzione ma nega tutte le accuse. Il 27 maggio sette dirigenti della Fifa sono stati arrestati con l’accusa di aver partecipato per più di un ventennio a "un’associazione a delinquere volta ad arricchirsi attraverso la corruzione e il riciclaggio di denaro" per centinaia di milioni di dollari.

Kenya. Cinque uomini sono stati accusati da un tribunale keniano di terrorismo, in relazione all'assalto all'università di Garissa dello scorso 2 aprile, in cui sono morte 148 persone, per lo più giovani studenti. Si tratta di 4 kenyani e un tanzaniano accusati di aver cospirato per commettere "l'atto terroristico al college dell'Università di Garissa" e altri reati connessi. Si tratterebbe, secondo fonti d'agenzia, di 152 capi d'imputazione di matrice terroristica. Sono le prime persone ad affrontare delle accuse formali per l'attacco che venne rivendicato dal gruppo terroristico somalo Al Shabaab, come vendetta per l’intervento delle forze armate keniane in Somalia.

Sud Sudan. I ribelli sud sudanesi hanno annunciato di aver preso il controllo di importanti infrastrutture petrolifere nel nord del paese, precisamente nello stato di Unity e che ora stanno cercando di occupare quelli del vicino stato dell'Upper Nile. Il loro obiettivo sembra essere quello di fermare la produzione. I ribelli accusano il presidente Salva Kiir di beneficiare dei proventi del petrolio per finanziare l'acquisto di armi. La guerra civile scoppiata nel 2013 tra le forze fedeli al presidente Salva Kiir e Riek Machar sta provocando immense conseguenze umanitarie per le popolazioni civili. Decine di migliaia di persone sono fuggite dalle loro case nel mese passato a causa dei combattimenti, e circa 650.000 civili sono senza accesso agli aiuti. Entrambe le parti in conflitto sono state inoltre accusate di uccisioni e stupri sulla popolazione civile. La missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (Unmiss) ha dichiarato che più di 2 milioni di persone sono sfollate dal dicembre del 2013, con più di 500.000 in fuga dal paese.

Ghana. Piogge torrenziali e fuoco, almeno 200 morti per un'esplosione ad Accra. Sono oltre 200 le vittime della stazione di servizio della capitale del Ghana, Accra, oggetto di una colossale esplosione e un devastante incendio. La stazione di servizio era affollata di gente che cercava di sfuggire alla furia delle piogge torrenziali che stavano allagando le strade. Intanto il presidente John Dramani Mahama ha annunciato tre giorni di lutto nazionale a partire da lunedì 8 giugno - Leggi tutto -

Burundi. Rinviate le elezioni. Il governo del Burundi ha annunciato il rinvio delle elezioni amministrative e legislative che erano in programma questo weekend. Una scelta obbligata, data la situazione di alta tensione che sta vivendo il paese e le forti pressioni internazionali e della Chiesa - Leggi tutto -

Nessun commento:

Posta un commento