venerdì 20 novembre 2015

Mali, attacco jihadista ad Hotel di Bamako frequentato da stranieri

Hotel Radisson Blue, Bamako (Mali)
Attacco jihadista con sparatoria nell'Hotel Radisson Blue di Bamako in Mali. L'Hotel è frequentato quasi esclusivamente da stranieri. Almeno 170 persone sono state prese in ostaggio (140 ospiti e 30 dipendenti) da un commando di una decina di terroristi , forse dodici, armati fino ai denti che fa parte della galassia appartenente all'estremismo islamico dell'area sub-sahariana.

Alcuni ostaggi sarebbero stati rilasciati dopo che avevano dimostrato di conoscere alcuni versetti del Corano. Tra gli ostaggi ci sarebbero almeno tre morti. Tra gli ostaggi molti francesi, nessun italiano coinvolto.

Il Mali, ex-colonia francese, fu oggetto di un colpo di stato da parte di bande di tuareg appartenenti all'estremismo islamico nel 2012 seguito da una sanguinosa guerra civile poi risolta nel 2013 con l'intervento francese.

Attualmente il Mali sta attraversando un periodo di grave instabilità che però fin'ora era relegato nelle regioni del nord. L'attacco massiccio di oggi nella capitale è un deciso salto di qualità dell'estremismo islamico che, dopo i Boko Haram della Nigeria, anche in Mali vorrebbe proclamare lo Stato Islamico.

Le connessioni con la Francia .. L'albergo è frequentato da diplomatici, uomini d'affari occidentali e militari della missione Onu in Mali (MINUSMA), e potrebbe essere stato preso di mira perché tra i clienti ci sono molti francesi, tra cui il personale di volo dell'Air France. Le truppe francesi sono presenti nel Paese dal gennaio del 2013, quando è stata lanciata l'Operazione Serval, poi ribattezzata nell'agosto del 2014 Operazione Barkhane ed estesa al Sahel nel tentativo di sostenere le forze governative contro gli islamisti.

Francois Hollande ha fatto riferimento al Mali proprio nel discorso di ieri. Nel 2013 la Francia ha aiutato il Mali, ottenendo una "vittoria".

L'Hotel è circondato dalle forze di polizia maliane. Oltre all'esercito del Mali, sono intervenute anche forze speciali francesi e americane già presenti nel paese africano.
(Leggi di più da Corriere della Sera)


Nessun commento:

Posta un commento