venerdì 30 giugno 2017

Il Kenya è il primo paese africano ad utilizzare il "generico" per trattare l'HIV

Il Kenya è il primo paese africano che ha iniziato a utilizzare una versione generica di un nuovo farmaco per il trattamento dell’AIDS, destinato a migliorare e prolungare la vita di decine di migliaia di persone che soffrono di gravi effetti collaterali e di resistenza agli altri trattamenti.

La versione generica del Dolutegravir (Dtg), farmaco approvato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2013, viene già somministrata a 20.000 pazienti in Kenya. Entro la fine dell'anno sarà usata anche in Nigeria e in Uganda, grazie al sostegno dell'agenzia sanitaria per la lotta a tubercolosi, AIDS e malaria, Unitaid.

La caratteristica del DTG è quella di poter essere usato su persone con HIV che non hanno mai fatto una terapia anti-retrovirale ed anche su coloro che hanno sviluppato resistenza ad altri trattamenti.

Il 70% di tutte le persone con il virus hiv/aids nel mondo, vivono nell'Africa Sub-Sahariana. Il Kenya, uno dei paesi del mondo con il maggior numero di persone positive, ha fatto grandi passi avanti nell'affrontare il trattamento del virus, con servizi sanitari pubblici gratuiti.

Dei circa 1,5 milioni di keniani HIV positivi, più di due terzi è in trattamento, ha dichiarato Martin Sirengo, responsabile del National Aids and Sti Control Programme. Inoltre, il numero di nuove infezioni in Kenya (80.000 all'anno) è quasi dimezzato nell'ultimo decennio, grazie alla diffusione gratuita di test, trattamenti e ad una maggior conoscenza e consapevolezza dei rischi tra la popolazione.

Unitaid sostiene i cosiddetti obiettivi globali "90-90-90" contro il virus, da raggiungere entro il 2020:
  • far emergere il 90% delle persone che vivono con l'HIV senza saperlo,
  • dare accesso al 90% di coloro che sono infetti ai trattamenti anti-retrovirali,
  • rendere indetettabile (quando una persona sieropositiva, dopo il trattamento, diventa "non contagiosa") il virus nel corpo del 90% delle persone in trattamento.
(Reuters)

Condividi su Facebook


 

Nessun commento:

Posta un commento